Shaker party. On the poolside.

La bella stagione è finalmente arrivata. Il sole, caldo ha cominciato a scaldare la capitale. Ed io me ne sono accorto perchè ieri ho passato la giornata ha fare lavatrici, stendere e stirare. Lo so la pazzia è dilagante. Ma questa prima ondata di caldo ha solo destabilizzato i miei già precari ormoni riducendoli a una serie di piccoli amici fuori di testa. Tutti. E credetemi, comincio ad averne abbastanza. Non solo le polluzioni notturne e mattutine, no, adesso anche le calure devastanti con annesse erezioni non previste e mega sudate allucinanti, che neanche non lo so, un muflone in Africa. Insomma la situazione si sta facendo davvero complicata, e io non riesco a sfogare tutto. Per cui, dopo una giornata passata a stirare e rassettare, ieri, ho deciso di uscire, con un outfit pop, e vedermi con gli altri, e andare tutti allo Shaker Party, al Circolo. Io sinceramente ero lì a parte per una seratina alcolica con Sushi, che ce la promettavamo da venerdì e dopo esserci pisciati a vicenda finalmente aveva concretizzato la cosa, ma poi per sperare di vedere il mio ultimo tormento fisso quotidiano. Ovvero il Tatto-Hearted Boy. Ovvero, un fico devastante, che ho beccato in giro ultimamente e con il quale flirto palesemente su faccialibro. Purtroppo però, lui che cè sempre, ovviamente, ieri sera non c’era. Appreso quindi che i miei bollori non avrebbero trovato pace, io, la Du Barry, The Rock e poi MultiplesBubbles, ci siamo “nascosti” sotto mentite spoglie a bordo piscina a tramare contro le coppie più in presenti alle nostre spalle. Noi siamo così non riusciamo a non dare pepe alle serate in maniera sana. Voglio dire il gossip è il pane di queste serate in cui ci sono strafighi inarrivabili e irraggiungibili che si accoppiano solo tra di loro e ti fanno fare pensieri impuri e solo dettati dal caso, e soprattutto dall’imprevedibilità di ormoni con crisi di nervi. Loro sono lì, che se la parlano, se la baciano e se la intendono davanti a noi. E vedi che non siamo solo noi a notarli. No no no. Tutti come passano bisbigliano, parlano, e notano che loro sono tutto al momento. O forse ci sono solo loro di così interessante. Io la chiamo sana invidia. Ma questo credo rientri nelle SMO, ovvero le Strane Manie Omossessuali. Parlare e sparlare giusto per il gusto di farlo o per una sana invidia, giustappunto. A me piace la sana invidia. Non mi tiro indietro nell’alimentarla e non penso che nei miei confronti qualcuno possa provarla. Non perchè non mi ritenga interessante. Proprio no. Sostanzialmente per me possono provare invidia solo per il mio carattere, magari. Perchè sono solare, espansivo, simpatico, dicono, insomma sono uno a cui piace ridere e sorridere anche e soprattutto di me stesso. Mamma che mega spot. Comunque dopo aver tramato a bordopiscina, abbiamo raggiunto gli altri, ed ho fatto anche finalmente una piacevole conoscenza, certo avrei voluto approfondire, visto che ci siamo solo parlati tramite il mio alter-ego. Adoro dire il mio alter-ego. Pazzesco. Però spero che non manchi l’occasione. Poi purtroppo tutto è finito così. Con un clic, hanno spento le luci e arrivederci. Non ci sono state movenze pop. Non ci sono stati balletti succinti sul dancefloor. Solo complotti, chiacchiere, sorrisi, catwalk e fotografie. Ma a noi è andato bene così. Ci siamo salutati, e ce ne siamo tornati a casa. Soddisfatti così, di poco, ma è solo l’inizio. Con la bella stagione sono in arrivo anche le serate mega-galattiche della capitale. E noi… siamo pronti. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...