Incipit.

E’ sempre difficile riprendere le fila di un discorso così personale.  E’ da molto tempo che provavo a ritagliarmi uno spazio per poter scrivere di nuovo, ma non ci riuscivo. Più ci provavo e più ne usciva fuori una roba horror, senza un filo logico. Così ho lasciato perdere. Non riuscivo più a raccontarmi, adContinua a leggere “Incipit.”

Ok, ci sono.

Oramai è una cosa arcinota: appena comunico il mio ritorno sulle scene, ecco che contestualmente accade qualcosa che mi destabilizza e mi fa sparire di nuovo.  Avevo pensato di tornare proprio durante questa quarantena, ma ahimé, oltre ad essere una bionda tutto pepe sono anche una bionda che lavora nella sanità. Immaginate solo giornate intereContinua a leggere “Ok, ci sono.”

Hello, it’s me…

Che poi Annabelle, esce dalla porta e rientra dalla finestra. Nel momento in cui decido di non scrivere più niente, le cose accadono e si susseguono in una maniera così assurda e inaspettata che ecco, non raccontarle, sarebbe davvero un peccato. E allora, contrariamente a quanto detto e fatto, giusto perché io sono molto coerente,Continua a leggere “Hello, it’s me…”

E che Pride sia

Nonostante avessi deciso di non esserci per motivi strettamente miei, e che vi risparmio, sto andando. Quest’anno lo spirito del Pride mi ha coinvolto poco e niente. Ma ciò nonostante è un’ora che ci penso su. Nonostante le mie delusioni e i miei sbatty esserci è una priorità. Anche se tutto grida il contrario, inContinua a leggere “E che Pride sia”

La mela avvelenata

E’ martedì. Che però sa di lunedì. mi sono svegliato all’alba come sempre, anche se ho fatto dei brutti sogni che non  mi hanno affatto reso la notte tranquilla, anzi. Dicono che i sogni in realtà durano non più di un minuto. A me è sembrato che sia durato almeno un paio d’ore. E l’angosciaContinua a leggere “La mela avvelenata”

With you I’m born again

Ok. Sono tornato. Adesso dovrei farvi un piccolo riassunto del perché e per come non ci siamo visti per tutto questo tempo. Ma non lo farò. Insomma potrei dire la verità ed essere sincero, con tutta la possibilità di apparire come una sfigata più sfigata della sfigata orrenda che in realtà sono. Potrei dire che hoContinua a leggere “With you I’m born again”