Senza Titolo 2.

Sapete qualcosa dell’arresto cardiaco? L’arresto cardiaco è una situazione clinica caratterizzata dall’inefficacia dell’attività cardiaca. Può originare da alterazioni di varia natura dell’impulso elettrico, o da ostacoli di natura meccanica. Sia nel caso che la genesi sia primitivamente elettrica o meccanica, si determina l’inefficacia di entrambe le componenti.La conseguenza immediata è l’assenza di perfusione sistemica. L’arresto cardiaco è una condizioneContinua a leggere “Senza Titolo 2.”

Ciliegie

Spoiler: Il prossimo post è una mattonata sulle palle. “Che hai fatto?” “Niente, mamma” “Non mi dire bugie. C’è qualche problema” … “Oh. Ci sei?” “Mamma non ho fatto niente. Sono solo scazzato” “Hai questo tono di voce da quando sei tornato da Milano. Che c’è che non va?” “Niente. Non ho fatto niente”. “VabbèContinua a leggere “Ciliegie”

Senza Titolo.

Quattro anni fa di questi giorni ero davvero felice. Ero convinto di aver trovato una persona. Sentivo le farfalle nello stomaco e volevo solo stargli vicino e vederlo. E baciarlo, e coccolarlo. Questo. Purtroppo però, quello che uno prova non sempre è semplice da gestire né tantomeno facile da esprimere. Soprattutto per me. Per questo,Continua a leggere “Senza Titolo.”

Un post gelato.

Questo blog oramai assomiglia sempre di più al mio letto. E’ vuoto. Sarà il periodo. Sarà che io ho la testa da tutt’altra parte, ma quando non gira bene, non gira. E ovviamente, questo pisello odoroso ne risente moltissimo. Sto anche seriamente pensando di eliminare Annabelle Bronstein. Credo che lei sia davvero morta, per cuiContinua a leggere “Un post gelato.”

Un post devastante. Sotto ogni punto di vista, anche e soprattutto da quello grammaticale.

Avere un blog è terapeutico. Di solito. Forse per me è difficile anche questo. Devo premettere che questo post l’ho scritto tipo un mese e mezzo fa. E da allora è come se io fossi rimasto sospeso. Forse in attesa di prendere in considerazione l’eventualità di postarlo. Ed è l’unica cosa che ho avuto modoContinua a leggere “Un post devastante. Sotto ogni punto di vista, anche e soprattutto da quello grammaticale.”

L’estate del Deficiente – parte prima

Che estate è stata questa? Francamente io sono quasi contento che sia finita. Lo scrivo con un certo sospiro di sollievo. Anche se devo ammettere che i presupposti era stati molto diversi. Mi ero già immaginato immischiato in qualche tresca amorosa. E invece no. Niente. Invece è stata un’estate in cui ho girato dalle MarcheContinua a leggere “L’estate del Deficiente – parte prima”

Micropost #1 "Estate?"

Probabilmente questo sarà il mio nuovo mood. Il microppst, intendo. Lo so ultimamente ho postato davvero poco. Ma devo ammettere che un’estate più noiosa di questa, forse, non l’avevo mai vissuta prima d’ora. Le serate in tranquillità sono state poche, fino ad oggi, e il sol pensiero che andrò in ferie non prima della metàContinua a leggere “Micropost #1 "Estate?"”

28! E non sono mica cm.

Il dramma dei ventotto. Avere ventotto anni e non sentirseli. Parole, dettagli, che a cavallo del cambio di età mi assalgono e mi devastano. Insomma a chi non è già successo alzi la mano. Ma a sentire quelli che mi stanno intorno, che di solito hanno un’età media molto più alta questo non dovrebbe essereContinua a leggere “28! E non sono mica cm.”

Alcune piccole riflessioni sul Pride che verrà.

Parliamoci chiaramente. Questo Euro Pride sta assumendo i connotati di una roba davvero grande, alla quale solitamente noi tutti non siamo molto abituati. Insomma bisogna sicuramente dare merito all’organizzazione che è riuscita a smuovere un così grande personaggio, ma inesorabilmente nella mia testolina si insinuano dei dubbi: 1. Siamo sicuri che tutto il discorso parataContinua a leggere “Alcune piccole riflessioni sul Pride che verrà.”

Nuove consapevolezze?

Avevo già ampiamente affrontato il discorso su twitter, e per me era un capitolo chiuso. Ovvero avevo dichiarato profondo odio per mia cugina che ha un blog di cucina molto più seguito del mio. Naturalmente l’avevo ricoperta di ingiurie e insulti di ogni genere. Insomma la cialtrona che era in me era ufficialmente uscita alloContinua a leggere “Nuove consapevolezze?”