Pubblicato in: amnesie, amore, bella gente, Disgusto Gay, Drammi, Ikea, il pisello odoroso, il Signor Bollore, mood positivo, movenze pop, mucca, psicanalisi, sesso

Dolcetto o poracciaggine???

Avete presente questo spigolo? E’ lo spigolo del mio letto Ikea. Troppo basso e troppo in mezzo ai piedi per non sbatterci gli spizzelli ogni giorno. Quasi ogni giorno. Perché ci sono giorni in cui lo spigolo lo vorrei prendere a testate. Giorni in cui non riesco a dare una sequenza logica ai miei pensieri. Giorni in cui mi sono chiesto realmente quali siano le mie necessità. E sono sicuro, che in qualche modo, finalmente io le abbia chiarite. A me stesso, ad Annabelle Bronstein e a chi di solito mi ascolta delirare. Ma il delirio è solo una costante che accompagna le mie giornate. Che si palesa nel momento in cui io, non riesco a comprendere davvero perché alcune persone siano così dannatamente irreali.


Andiamo per ordine. Ho finalmente capito che il Signor Bollore ha un amante. Un amante troppo figo per competervi. Questo non vuol dire che io non mi senta figo. Affatto. Io sono molto figo per quel che mi riguarda. Ma ahimè non sono un Mister Gay Italia, e non ho alcuna fascia che mi cinge il petto. Non ho neanche un muscolo tonico. Ma questo non fa di me un mister qualcosa. Di tonico e allenato spero sempre di avere il cervello. E forse è proprio grazie a questo cervello che ho capito come stavano le cose. E’ servito un altro venerdì sera al Mucca per capirlo. Era palese davanti ai miei occhi, e a quelli di tutta la sala commerciale. Ma non dispero. Forse ho dato ancora una volta importanza a chi non se lo merita.


Però complimenti, fanno proprio una bella coppia. Per fortuna che sono una persona sportiva. Nell’animo. Perché nonostante i miei buoni proposito la mia dieta non decolla. Anzi. Proprio non la sto facendo. E’ forse questo è un altro motivo per cui io non mi voglio bene. Un altro dettaglio degli ultimi venti giorni riguarda il coetaneo assente dei Castelli. Dopo le sue ultime sole avevo deciso di non sentirlo più. Poi però mi sono lasciato convincere dalla Barbara D’Urso che è in me è gli ho dato un’altra possibilità. Abbiamo ripreso a sentirci al telefono. A scambiarci messaggi. Anche questa volta io gli stavo credendo. Ero lì quasi quasi per affezionarmi alla sua voce. Alle sue battute. Alla sua intelligenza.


Ma il lupo perde il pelo. E infatti il vizio di solare era lì, dietro l’angolo, come i drammi. Così siamo passati da un aperitivo che non si è più fatto. Un film, che non abbiamo mai visto. E una cena che nessuno ha mai cucinato. Quando si prevedeva la quarta sola, ho deciso di darci io un taglio, con un sms. Lo so, non si fa. Ma non mi si danno neanche 18457 sole in una settimana. Ed eccolo solo per voi, dopo un giorno di latitanza da parte sua: “Mi avrebbe fatto piacere sentirti e vederti. Ovviamente non è accaduto. E non voglio sapere neanche perché. Volevo dirtelo però”. Secondo voi mi ha risposto? Ovvio che no. Silenzio. E il silenzio di solito è più eloquente e chiaro di ogni altro bel discorso. Però, ve lo dico, lo apprezzato. Molto molto.


E poi veniamo al sesso. Questo mese ho fatto tanto sesso. Ho visto tante persone. Ho rimorchiato molto su Grindr. Su Gayromeo e anche su Bear. Alla grandissima. Avrò visto almeno cinque persone. Tutti e cinque carini. Che si sono descritti come attivi o versatili. E che appena arrivati, bè, erano evidentemente molto più passivi di me. Questo va benissimo, perché praticamente questo mese io sono diventato attivo. Almeno mia madre sarà soddisfatta di questo. Ma tra i tanti incontri deludenti, uno e solo uno è stato esaltante. Il Prof. quello della troppia si è preso un caffè con me. O meglio caffè sta per facciamoci una scopata. Io ovviamente non ho detto di no.


Grazie al cielo, anche la Troppia è finita. Dopo due mesi si sono accorti che non era una cosa tanto fattibile. Ah però. Una buona notizia finalmente. Diciamo che non me ne poteva fregar di meno. Perché ecco con Il Prof. è sempre molto bello fare solo una cosa. Lui ci sa fare probabilmente solo in quello. Ma vabbè cavalla golosa e soddisfatta ad Halloween, la festa di mostri, quindi la mia festa, sono andato al Muccassassina. Adesso io farò in modo che qualcuno del Mucca legga questo post. Perché vorrei fargli delle domande e porre delle questioni che a mio avviso sono molto importanti.


Capisco bene che c’è un Europride da organizzare e ci vogliono li pippi. Ma perché al Mucca devono entrare gli etero? Perché chi ha una fottuta tessera del Mario Mieli deve fare un’oceanica fila di un’ora e mezza al limite della sopravvivenza e vedersi passare davanti una marea di etero arapatissimi, una marea di frociarole parioline, e una marea di trans? Tutti poi che ci passano davanti. Che passano davanti ai tesserati. Questo è sempre stato un mistero per me. E poi perché fa riempire un locale all’inverosimile? Sono tutti quesiti che mi pongo, e che hanno solo una fottutissima risposta. Soldi. Money. Pippi. Dindi. Manderò una mail alla Praitano. Sono curioso, di sentire la sua risposta, se mai ci sarà.


Per il resto, finalmente ad Halloween la sala del secondo piano del Mucca ci ha regalato delle soddisfazioni. La musica era finalmente godibile e ballabile con annesse movenze dannatamente pop che hanno commosso tutti i presenti. Insomma finalmente eravamo tutti: io, Ga, Guy, Ciù Ciù e marito e Mauri. Eravamo del mood giusto. Ma appena arrivato sul quel dancefloor. Appena ho iniziato a scatenarmi, io ho fiutato la Sua presenza. Non ci avevo pensato minimamente che poteva esserci anche lui. Lo avevo talmente dimenticato, che in maniera del tutto sorprendente si era palesato. Sto parlando della Polpetta.


Che per noi, d’ora in poi sarà l’Innominabile. Era lì, più bello di sempre che si scatenava felice con i suoi amici. Qui lo dico e qui lo nego. Era bellissimo. In un secondo mi si è bloccato tutto. Le movenze sono andate a farsi fottere (almeno loro), e il mio cervello si è fissato su di lui. L’unico che a oggi, dopo anni, riesce ancora a darmi un senso. Si perché un senso credo proprio di averlo perso ultimamente. Ritornato in me, come se nulla fosse ho ripreso a ballare. Ho ripreso a fare finta di niente. Anzi. Ho cominciato a fare la stupidah. Si perché quando un animo ferito come il mio, si rende conto che non c’è n’è e soprattutto di aver torto marcio, in quell’istante per sopravvivere alla vergogna devi fare la stupidah.


Insomma in qualche modo si dovrà pur salvare la faccia e andare avanti. Ho far finta di, almeno. Ho cercato di ignorare, ma non riesco proprio a ignorarlo. Insomma a me piace. E forse mi piacerà per sempre. Ma il punto è che il vero schifo l’ho fatto dopo. Uscito da quel posto troppo pieno di gente troppo fuori di testa. Per l’ennesima volta ho buttato dal finestrino della macchina quel minimo di dignità che avevo. Accompagnato a casa Guy, mentre tornavo a casa mia, ho tagliato per il quartiere dell’Innominabile. Come sempre. Il punto è che ho acceso Grindr e lui era lì on line. Pallino verde. Mentre superavamo i semafori la distanza tra di noi diminuiva. 4 km… 2 km… 1 km… Zero. Alla vista di quello zero ho messo le quattro frecce ed ho accostato.


Mi sono acceso una sigaretta, e spento la macchina. Ho abbassato la musica e ho fumato con calma. Con il telefono tra le mani, invaso da una speranza inverosimile fissavo il pallino verde sperando che vedendomi lì, vicino a lui, mi scrivesse. Ho pensato che avrebbe potuto farlo. Ho pensato che ci saremmo potuti fare una chiacchierata rivelatrice e chiarificatrice. Ho pensato che forse avrei potuto rimettere a poste le cose, scusarmi e magari ricominciare da zero. Purtroppo dopo 5 minuti mi sembrava chiaro che tutto ero inutile. Quello che stavo facendo non aveva molto senso. E soprattutto stavo solo sognando ad occhi aperti. Perché lui, non c’era per me. Evidentemente.

Chiariti questi dettagli, questa mattina andare a sbattere contro lo spigolo del letto ha un non so che di giusto. Credo di averlo fatto quasi volutamente. Sono cocciuto. Però ecco, credo di aver segnato un nuovo limite di poracciagine con me stesso. Un nuovo mese è iniziato. Ed ora devo fare in modo che un nuovo me cominci a vivere. In maniera diversa. Insomma, c’è ne davvero bisogno. Soprattutto per me stesso. Non Annabelle Bronstein, lei no, quello vero intendo. Lei domani starà sicuramente meglio. Spigoli del letto permettendo.

Pubblicato in: bella gente, Ikea, il pisello odoroso, mood positivo, no sex in the city, Vicinifilippini

Ikea. Inferno o paradiso?

Domenica mattina mi sono imposto di andare da Ikea. Lo so. I gay di solito non fanno queste richieste a loro stessi. Specialmente di domenica mattina. Ma siccome solo sabato ho messo piede nella mia nuova casa, che al momento assomiglia di più ad un centro di smistamento pacchi FeedEx. Con me c’era Guy, che ha dormito a casa mia dopo un brutto sabato turbolento. Comunque siamo usciti tipo verso le dieci, con la convinzione di fare un’ottima cosa soprattutto per reperire un parcheggio a Bufalotta con lo stesso codice di avviamento postale. E infatti abbiamo parcheggiato senza problemi. Almeno. Abbiamo fatto il solito giro da Accaemme, scritto così perchè l’azienda vuole così!, e in tutti quei negozi cool che Bufalotta offre. Tipo Sephora, Adidas, Pull & Bear e anche Zara Home.

Aggressivi, diretti e precisi come dei mastini moldavi ci siamo diretti verso l’entrata di Ikea. Abbiamo fatto solo una piccola sosta al take away svedese perchè noi ci dobbiamo pur cibare di qualcosa di vagamente commestibile. E gli svedesi ne hanno di bendonde. Dopo il pranzo, e una sigaretta finalmente ci siamo diretti verso il self di Ikea. Io e Guy abbiamo dato delle priorità agli acquisti: dispenser sapone linquido per le mani e bicchiere portaspazzolini. Teppeto per il bagno. Mazza per tenda della doccia. Scatoline per i cassetti. Lampada da tavolo. Semplice no?

Peccato che io mi sia lasciato amaliare dal rivestimento in plastica salvagoccia per i cassetti e pensili della cucina. Che trovo utile e anche funzionale. Andiamo così si può dire addio a tutto quello schifo nei cassetti della cucina. Peccato che non sia stato capace di resistere alla favolosa lanternina con le stelline e alle 36 candeline al gusto di GELATO alla vaniglia. Non al gelato. Alla vaniglia. Immaginate la mia camera da letto inebriata da profumi dolci e zuccherini mentre io ne faccio di bendonde sul letto? Peccato ancora che non sia stato capace di dire di no al set per divano HAGALUNG bianco. Ma sono sincero, il mio set dopo averlo lavato si era rimpicciolito, e dopo il trasloco era diventato troppo zozzo. Per cui.

Ma in realtà oltre ad avere ufficialmente preso coscienza del fatto che in realtà più che Annabelle Bronstein sono Becky Bloomwood, ho capito che tutto quel comprare solo per il gusto di era riconducibile alla marea di coppie gay che perseguitavano me e Guy. Ci siamo inziati a rendere conto che forse eravamo finiti tra compaesani quando nel reparto stendini e accessori armadio ci siamo ritrovati questi due ragazzi CARINISSIMI che valiavano le varie proposte di stendini offerti da Ikea. Li abbiamo invidiati. E tanto. Erano carini, e per di più insieme. E noi invece che volevamo evitare incontri gay convinti che la domenica mattina i gay dormissero. No, no. Più si faceva tardi e più Ikea si riempiva di coppie gay intente a scegliere complementi d’arredo per la casa. Che nervi. Neanche più lo shopping ti fa stare bene. Neanche più Ikea.

Presi da un momento di sconforto abbiamo deciso di fuggire all’istante anche da lì. E di corsa. Ma quello che non sapevo e che avrei scoperto una volta a casa, era che avevo dei vicini di casa filippini, che la domenica, come tutti i filippini di Roma hanno un solo ed unico passatempo. Il Karaoke. E credo di non avere più parole per loro.