Annabelle Bronstein e due esemplari di coppie gay!

Quando sei Annabelle Bronstein è complicato affrontare il quotidiano. Non perchè io me la sento calda, affatto. Perchè tutto quello che mi accade, a volte stenta a sembrare reale persino a me. E proprio perchè è tutto vero la testa, o quel che ne rimane, tende ad andare oltre. Ma partiamo dal principio. O meglioContinua a leggere “Annabelle Bronstein e due esemplari di coppie gay!”

Cattivi pensieri, e un fottuto trattore

Interrogo quotidianamente me stesso su quale sia la prossima cosa da fare. Avete presente quando guardate un film pallosissimo e non potete cambiare. La mia esistenza ultimamente mi sembra questo. Un film pallosissimo/noiosissimo. Non so bene perché. O forse lo so. Ma non ve lo voglio ancora dire. Mi chiedo sempre quale sia il mioContinua a leggere “Cattivi pensieri, e un fottuto trattore”

Il gay emancipato, ovvero un post ingarbugliato

Quando si parla con un gay, è facile notare come questo si ponga nei confronti dello stesso mondo omosessuale. Di solito si presenta sempre come un anticonformista, che non giudica se non conosce, che non concepisce la discriminazione perché rispetta tutti. Che fa la raccolta differenziata. Legge tantissimo. Va al cinema. Ha tanti amici. CheContinua a leggere “Il gay emancipato, ovvero un post ingarbugliato”

Inorridiscoooooooo

Anche oggi in Italia, un piccolo uomo ha preso la parola per insultarci tutti. Non solo noi gay, ma anche le donne e le persone tutte. Diverse le reazioni scatenate, ovunque in tutto il mondo. Quella a cui mi sento più vicina è la dichiarazione di Julienne Moore. Sarebbe inutile riportare le parole della CarfagnaContinua a leggere “Inorridiscoooooooo”

Dolcetto o poracciaggine???

Avete presente questo spigolo? E’ lo spigolo del mio letto Ikea. Troppo basso e troppo in mezzo ai piedi per non sbatterci gli spizzelli ogni giorno. Quasi ogni giorno. Perché ci sono giorni in cui lo spigolo lo vorrei prendere a testate. Giorni in cui non riesco a dare una sequenza logica ai miei pensieri.Continua a leggere “Dolcetto o poracciaggine???”

Il Mucca, il Singor Bollore e il dramma. Insistentemente dietro l’angolo.

Sono sicuro che vi state tutti chiedendo che straminchia di fine io abbia fatto. Ok, forse un tantino esagero. Ma questo post l’ho sto pensando da quando sono uscito venerdì notte dal Mucca. L’inaugurazione. Vabbè, vi aspettate una recensione? Sarà breve. Mi piace as well. Mi piacciono i nuovi cessi (pazzescherrimi), mi piace il nuovoContinua a leggere “Il Mucca, il Singor Bollore e il dramma. Insistentemente dietro l’angolo.”

Quando ammetti il problema, stai già guarendo

Quando arriva settembre si crea un meccanismo mentale secondo il quale bisogna perdere peso, andare in palestra e rimettersi in forma. Merda, ma che senso ha? Posso accettare che un discorso del genere mi venga fatto a gennaio. Ok. Anno nuovo, vita nuova. Ci posso anche credere. Ma perché a settembre? Non ha molto senso.Continua a leggere “Quando ammetti il problema, stai già guarendo”

La Troppia. Ovvero quando la coppia scoppia.

Due settimane fa circa ero a colloquio telefonico con il Prof. Di lui ve ne ho già parlato in diversi post. Mi telefonava evidentemente perché credeva che io avessi bisogno di una sana scopata. Ma si sbagliava. Parlando del più e del meno, invece mi racconta del suo ultimo state of mind. Ovvero mi introduceContinua a leggere “La Troppia. Ovvero quando la coppia scoppia.”

Sesso da fiction. Anche se poco fiction.

Dunque, dunque. Qualche tempo fa, mentre vi narravo del Signor Bollore, non ho potuto fare a meno di introdurvi un nuovo e devastante omone che entrato nella mia esistenza. E non solo. Mi sono finalmente preso il tempo giusto per rielaborare nella mia mente tutto quello che è successo, ed ora metterlo nero su biancoContinua a leggere “Sesso da fiction. Anche se poco fiction.”

Lo scottato dalle relazioni e il coetaneo assente. Altri due esemplari.

Avete presente quando il vostro unico problema è quello di cercare di entrare nella testa delle persone per capire il perché di certe azioni che vi appaiono inspiegabili? Ebbene al momento io mi trovo assolutamente in questo stato. Lasciata Roma, lunedì scorso, sono tornato a Chieti, mia città natia, dove mi sono catapultato in unaContinua a leggere “Lo scottato dalle relazioni e il coetaneo assente. Altri due esemplari.”