Tremate, tremate, le streghe son tornate!!!

4

giugno 24, 2009 di annabellebronstein

Se per caso vi stavate chiedendo che cosa ho fatto ieri sera, be ecco che vi accontento. Ristabiliti gli equilibri, ieri pomeriggio io e Little Miss Sunchine abbiamo raggiunto la Du Barry e Guy da Primo per un mega aperitivo abbuffo. Appurato però che ne volevamo ancora, e che il freddo era troppo insopportabile abbiamo deciso di andarcene al Coming Out, questa volta con l’idea di entrare dentro e sederci. Ma nonostante fossero appena le 22 altre diverse decine di persone avevano avuto la nostra stessa idea, così ci siamo seduti fuori dove apparentemente sembrava un pochetto più riparato dal gelido vento. Ma solo apparentemente. Così mentre aspettavamo di ordinare, succede qualcosa di mistico e straordinario. Ovvero appare Ambra. Ohsantocielo. Ma è pazzesca. Vabbè credetemi, ultimamente la becco sempre più spesso in giro. E ogni volta che la vedo sono d’accordo. Ambra è diventata superlativa. Ha un fisico mozzafiato, è bellissima, e non solo. E’ bravissima. Ovviamente è rimasta per pochissimo, ed era stra-accompagnata da Mauro Di Maggio e il suo bodyguard credo. Comunque, dopo questa apparizione mistica mi sono sentito giàmeglio. O forse era l’alcool che cominciava a circolare in me. Comunque dopo circa settantasetteminuti ad attendere che il cameriere ci portasse lo scontrino e quindi pagare, ci siamo rotti le balle e abbiamo fatto il fugone. Così. Certo lo sappiamo che non si fa. Ma cosa diavolo racconterò mai ai miei nipoti quando sarò vecchio? Ci siamo messi quindi al riparo da occhi indiscreti sul muretto e abbiamo affrontato il solito discorso che ci attanaglia ovvero: PERQUALECAZZODIMOTIVOGENTECARINA,SIMPATICAEMOLTOINTELLIGENTECOMENOICHENEHADIBENDONDEE’ANCORASINGLE? Insomma, una cosina da poco. E siamo incappati in un discorso per la prima volta decisamente serio, ovvero che con l’avvento di siti internet come faccialibro, tutti sono amici di tutti però quando ci si becca dal vivo si ha il timore di avvicinarsi e parlare. Insomma si è persa strada facendo la vecchia e cara comunicazione. Anche io posso testimoniare che per esempio, la mia prima estate romana, quella del 2007, ho conosciuto tantissime persone solo stando seduto sui muretti del Coming. Ga, Ciù Ciù, Mau e Nata per esempio erano persone conosciute facendo quattro chiacchiere, e poi sono diventati amici che vedo e sento. E la differenza è che oramai diviene difficile approcciare e parlare di una qualsiasi cosa. Tutti sono in gruppo, e nessuno ti considera. Ecco perchè Little Miss Sunchine è sicuro che presto ripristinerà un profilo gay. Che detto da lui, contro queste cose per antonomasia, ti sconvolge, ma il fatto che lo dica mi sconvolge ancora di più. Forse ci siamo arresi? Forse non siamo neanche più noi capaci di andare lì parlare e dire a qualcuno quanto ci interessi? E’ possibile. Ma è giusto? Non lo so sinceramente. So soltanto che noi gay siamo l’emblema del cane che si morde la coda. Abbiamo bisogno di vedere riconosciuti i nostri diritti, e il tutto sembra girare intorno al fatto di avere bisogno di un posto come il Coming Out o duecento metri di strada dove poter passeggiare avanti e indietro per sentirci liberi di essere quello che ci pare. Per non parlare del Gay Village. Bè questa non mi pare libertà di essere. No. Mi sembra più un ghetto. Dove tutti sono felici di stare. Per l’amor del cielo sono anche sicuro che magari il resto del mondo non sia pronto ad accettare due uomini che si stringono per mano, figuriamoci se mai questi dovessero baciarsi. Non lo so. A volte mi chiedo che cosa da gay mi renderebbe felice con la F maiuscola. Un ottimo lavoro? Gli amici? L’amore? Ebbene SI, SI e ancora Si. Ma tutto ciò al momento sembra mancarmi. Se penso che però il mio paese sta ancora messo peggio, faccio un bel respiro e mi accontento. E proprio mentre la Du Barry e Guy vanno al bagno, e Little Miss Sunchine va a parlare con un amico rimango solo e mi rendo conto che di fronte a me cè InsytantarobaaaaLohan, e convengo ancora una volta di quanto sia carino. E di quanto magari io avrei voglia di parlarci e scambiarci quattro chiacchiere, ma in realtà non ne ho minimamente il coraggio. Che gli dico io a Insy Lohan, penso. E’ così realizzo che forse anche io sono come tutti gli altri. Che mi lamento di un atteggiamento altrui che secondo me è sbagliato, ma di mio non faccio nulla per cambiare nè il mio nè quello degli altri. Io credo che ci debba essere una specie di rieducazione dei comportamenti. Se parli con un trentenne, quello ti dice che la generazione dopo è stata fortuna perchè ha vissuto l’avvento di internet, e delle telecomunicazioni, e che loro invece brufolosi, e timidi per conoscere qualcuno dovevano sudare sette camice. E infatti ora se ci provi con untrentenne questo fa l’alternativo e ti snobba. Certo non tutti. Io sinceramente non mi sono mai sentito fortunato per avere come mezzo internet per il rimorchio. Anzi. Lo maledico. Anzi mi va bene solo quando c’ho na voglia devastante di cazzo. E me ne faccio anche uno stendardo sinceramente, visto che ho sempre cercato di essere sincero sotto questo punto di vista. Non tutti però sono concordi col mio pensiero. Tutto il contrario. Vi è mai successo di incontrare qualcuno con cui chattate soltanto? Questo vi evita prima con lo sguardo, poi fa in modo di allontanarsi nella maniera più veloce possibile da voi. E allora, mi chiedo, che senso ha aver avuto un contatto on-line? Nulla. Ecco perchè maledico il mezzo, e si torna punto e a capo all’arcano di cui sopra. Bo. Dopo questi devastanti e importanti dissidi mi sono lasciato pervadere dalla voglia di capire da dove provenivano i laser verdi che illuminavano il Colosseo. Percorsa quindi via di San Giovanni in Laterano abbiamo capito. Si stava festeggiando la festa delle Streghe. E qui internet mi viene in aiuto: “La notte tra il 23 e il 24 giugno si celebra da molti secoli ormai La Notte di San Giovanni, una notte ricca di magie, misteri e influenze sulle cose, gli animali e, soprattutto, sulle persone, tanto che da sempre essa è anche chiamata La Notte delle Streghe.In questa notte, un tempo, si viveva un momento magico perché essa cade nei giorni solstiziali quando, secondo un’antica credenza, il sole si sposa con la luna e dal suo sposalizio si riversano energie benefiche sulla terra e specialmente sulle erbe bagnate dalla rugiada, che si trasforma in un farmaco potente “a guarire ogni guisa di malattie cutanee”.La leggenda della notte di San Giovanni narra che proprio in questo particolare momento astrale le streghe si radunassero per espletare i loro sortilegi. I più prudenti per proteggersi si infilavano sotto gli abiti qualche erba di San Giovanni, dall’iperico alla lavanda, allo spicchio d’aglio da raccogliersi prima dell’alba, la verbena simbolo di pace e prosperità, il ribes i cui frutti rossi sono chiamati anche bacche di San Giovanni, l’artemisia…Queste streghe altre non erano che giovani donne le quali, per aiutare il sole a nascere, si riunivano nei campi e accendevano dei fuochi, oppure spinte da passione amorosa raccoglievano le erbe bagnate di rugiada, simbolo della protezione del Santo Battista. La tradizione della notte del solstizio si celebra ogni anno da tempi lontanissimi a San Giovanni in Marignano – già noto alle cronache come il “granaio dei Malatesta”, perché situato nel cuore fertile di una dolce vallata della Romagna – con una manifestazione volta a recuperare un tessuto storico-popolare di tradizioni attraverso la loro spettacolarizzazione: teatro popolare di strada con rappresentazioni che ripercorrono i grandi temi della magia, della superstizione e del misterioso; un mercatino con esposizione e vendita di oggetti, erbe officinali, pietre magiche e prodotti naturali, l’antro delle streghe, un ambiente scenograficamente suggestivo in cui operano cartomanti, chiromanti e indovini.” Bè mi sembra più che chiaro. E dopo aver visto lo spettacolo, poco sconvolgente di sto proiettore verde, e aver capito che forse per ora devo rivedere il mio atteggiamento verso i mezzi di comuncazione me ne torno a casa. Con la speranza, che domani, sarà sicuramente un giorno meno freddo e più proficuo per capire dovè il mio uomo! Tiè!
Annunci

4 thoughts on “Tremate, tremate, le streghe son tornate!!!

  1. Anonimo ha detto:

    ma annabelle mi hai stupito con questo post…complimenti cara…stai crescendo
    (era ora sinceramente)… 😉
    mo vediamo se capisci chi sono 😉

  2. ovviamente nn ho capito…figurati se avessi capito adesso avrei risolto tutti i miei problemi 😉 no vabbè che ne so…raggiungimi su faccialibro, li si chiacchiera e così giochiamo anche ad armi pari!
    AB

  3. Anonimo ha detto:

    non minacciate annabelle che sguinzaglio i miei lacchè agguerritissimi!

    Madame Du Barry 😉

  4. EnRy ha detto:

    Annabelle, anche io penso quello che pensi tu. Smettila di succhiarmi il cervello, eh?

    Baci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: