Una lunga folle corsa.

Lascia un commento

maggio 19, 2009 di annabellebronstein

Tornare a casa, ovvero in Abruzzo, è sempre molto bello. Tornare ogni tre mesi a volte non mi fa sentire benissimo. Nel senso che quando torni lì ti rendi conti che effettivamente non solo la tua vita va avanti, lontano, da un’altra parte. Ma anche quella degli altri. E così è bello stare ad ascoltare i tuoi amici, la mamma, papà, la nonna e il nonno. Anche se il tempo è tiranno. E non poco. Così, ogni volta che torno a casa, centellino le ore dividendole nella maniera più equa possibile. Ma nonostante a casa io non sia Annabelle Bronstein, in realtà sotto mentite spoglie Annabelle è venuta con me, e impossessatasi di me si è palesata a qualcun’altro. Ovvero. Annabelle ha spifferato al Tatto-Hearted Boy chi io fossi in realtà e non solo, l’ha anche invitato all’aperitivo da Crudo domenica sera. Adesso la metafisica come penso la matematica non siano opinioni che nascono dal mio unico neurone. E infatti se Annabelle Bronstein voleva il suo Tatto-Hearted Boy per l’aperitivo, in realtà Annabelle Bronstein non aveva idea assolutamente che io domenica sarei dovuto fuggire da una comunione nell’entroterra campagnolo teatino, fuggire a casa, fare la valigia, caricare la macchina con le provviste di mia madre, mia nonna, mia zia e l’altra zia, correre a prendere Miss Cherie e finalmente partire. Tutto ciò in realtà si è concretizzano alle 17.40. Quindi neanche troppo tardi. Per cui sono partito all’attacco. Ma si sa. Quando devi arrivare in orario, lo capisci subito che non è così. Dapprima un mega incidente. Che ha rallentanto la marcia, poi da Avezzano fino quasi a Roma il più grande temporale estivo mai visto su un’autostrada ha rallentato ulteriormente il viaggio. Così laddove il casello autostradale Roma Est sembrava una Camelot incantata. E in realtà con i giochi di luce offerti dal tramonto sembrava proprio così. Ma Annabelle Bronstein è anche una cogliona. E anche la numero uno credo. E il tempo invece era troppo andato avanti. Erano le 19.40. Ma c’era ancora tutta la tangenziale est. E infatti a casa ci siamo arrivati alle 20.30 passate. Che palle. Che palle. Che palle. Troppo tardi per poter fare una doccia e andare da Crudo. Troppo poco per rendermi presentabile. Uffa. Ma io lo sapevo. Sapevo che non sarei riuscito a fare tutto. E ovviamente la cosa che mi premeva di più fare non sono ovviamente riuscito. Così non demordo, mi doccio e dopo cena raggiungo Guy e la Du Barry. Ma la serata sarebbe stata piena di sorprese. Qualche esempio? Bè il saluto con annesso sorriso della Polpetta. Secondo me si è anche dimagrito. Tutto ciò gli ha fatto guadagnare qualche punto in più. Peccato che dovrei guadagnarlo io qualche punto in più con lui. Ma ovviamente. Ovviamente no. La mia testa era da tutt’altra parte. Io pensavo ancora a quel Tatto-Hearted Boy, ai suoi calzini, ai suoi tatuaggi, al suo sguardo. E lui però non c’era. Non c’era traccia alcuna. Così vasche su vasche, un Magnum Bianco e un Ghiacciolone ho deciso di buttare la spugna. Ho preso baracche e burattini e me ne sono tornato a casa. Passeginado. Fino a Prati.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: